Silvio Frigg, responsabile dei servizi centrali all'Abbazia di San Gallo racconta:

Com'è arrivato all'Abbazia di San Gallo?
Scivolare nella sala barocca con le pantofole di feltro e ammirare la mummia di Schepenese. Ogni bambino cresciuto a San Gallo e dintorni si ricorda di questo momento - e lo faccio anch'io. Essendo originario di San Gallo, durante i miei giorni di scuola ho visitato più volte la biblioteca dell'abbazia. A quel tempo, gli insegnanti cercavano di ispirarci per la tradizione unica. Il mio entusiasmo per i libri è arrivato anni dopo, però, durante i miei studi di tedesco e di storia dell'arte. Lavoro nella biblioteca dell'abbazia di San Gallo da più di 17 anni. Oggi, in qualità di responsabile dei servizi centrali, sono corresponsabile della conservazione e della sicurezza dei libri stampati e dei manoscritti. È un lavoro affascinante, in cui sono sempre a stretto contatto con esperti esterni.

Qual è il suo luogo preferito? Può svelarci qualche segreto?
Posizionarsi nel portico intorno alla rotonda, proprio accanto alla grande cupola della cattedrale. Se lasciate vagare lo sguardo qui, vedrete i rilievi della mano di Johann Christian Wentzinger sulla vita di San Gallo. Il coraggio creativo di Wentzinger nell'affrontare grandi superfici vuote e figure è ineguagliabile. Qui, la qualità unica dei maestri barocchi che lavorano a San Gallo è visibile nella decorazione e nell'architettura.

Quali attività consiglia nel sito UNESCO?
Il periodo ideale per visitare il distretto abbaziale di San Gallo è durante i mesi invernali. Perché allora un velo di nebbia si stende sulla città di San Gallo e conferisce al Patrimonio mondiale dell'UNESCO un'atmosfera misteriosa. La pace e la tranquillità di questi tempi ricorda un po' il primo monastero, che fu sciolto nel 1805. Con l'audioguida, l'area, la cattedrale e la biblioteca dell'abbazia possono essere esplorate da soli. Concedetevi un momento di tranquillità ogni tanto e lasciate che l'aura del Patrimonio mondiale faccia effetto su di voi.

Ottobre 2016 (tradotto dal tedesco)

Il nostro Patrimonio mondiale