Mandana Roozpeikar, responsabile delle esposizioni e dell'istruzione dell'Abbazia di San Gallo racconta:

Come descriverebbe il suo ruolo all'interno del sito del Patrimonio Mondiale dell'UNESCO?
Recentemente sono stata presentata ad un evento come "Signora Abbazia". Penso che questa sia una buona descrizione del mio compito. Attraverso il mio lavoro cerco di rendere visibile e noto il distretto dell'Abbazia come un marchio. Per raggiungere questo obiettivo, mi occupo della pubblicità, mi occupo della stampa, mantengo i contatti e con il mio team, che offre visite guidate e workshop e sviluppa nuove ed entusiasmanti offerte di collocamento. Allo stesso tempo, sono la persona di contatto per il negozio e il team di supervisione, che funge da biglietto da visita per il Patrimonio Mondiale dell'UNESCO, così come per i vari comitati che insieme formano il Distretto dell'Abbazia.

Qual è il suo luogo preferito? Può svelarci qualche segreto?
Il mio posto preferito è vicino alla fontana nel cortile del monastero. Quando il tempo è bello e si sente il rumore della fontana, la vista vaga davanti alle possenti torri della cattedrale verso la città vecchia, sento momenti di felicità. Il prato verde, il muro bianco della chiesa, il cielo azzurro senza nuvole e le case tipiche decorate ti riportano indietro nel tempo.  E per un breve momento il ritmo frenetico della vita quotidiana viene dimenticato.

Quali attività consiglia nel sito UNESCO?
Per le famiglie con bambini in età da lettura consiglio il gioco degli enigmi. Si tratta di un piccolo libretto disegnato con cura, con molti compiti per tutta la famiglia. Una borsa con materiali ausiliari come bussola, specchio, fogli rossi, ecc. vi aiuterà nella ricerca di risposte. Inoltre non sei solo. Una figura fittizia a forma di orso vi accompagna nella vostra ricerca di indizi. Durante il tour di ca. 2 ore attraverso il quartiere dell'abbazia, si ha una visione emozionante e insolita della storia culturale di San Gallo.

www.stiftsbezirk.ch/familien

Marzo 2020 (tradotto dal tedesco)

Il nostro Patrimonio mondiale