Marikit Taylor, storica specializzata nella conservazione e promozione del patrimonio architettonico racconta: 

Qual è il suo ruolo nel sito UNESCO?
Sono storica specializzata nella conservazione e nella promozione del patrimonio architettonico - in particolare quello di La Chaux-de-Fonds. Faccio anche molte visite guidate.

Qual è il suo rapporto con il sito?
Sono venuta a La Chaux-de-Fonds per lavorare nel campo della storia e del patrimonio architettonico. Ho avuto modo di conoscere la città in tutti i suoi angoli, e di amare le mille cose che la rendono bella, ma che non si vede necessariamente a prima vista. La maggior parte delle mie ricerche e delle mie pubblicazioni riguardano la Metropoli orologiera. Ci sto anche facendo il mio dottorato!

Qual è il suo luogo preferito? Può svelarci qualche segreto?
Mi piace particolarmente il quartiere industriale, che è un pò discosto. La piccola fucina situata in rue des Terreaux 10A testimonia la vita in un altro tempo. Il mio consiglio è di prendersi il tempo di passeggiare per le strade dritte e di immergersi nello spirito del XIX secolo. Le sue tracce sono ovunque - che si tratti dell'infinito numero di vecchi cancelli in ferro battuto decorati, dei trompe l'oeil dipinti con motivi floreali e paesaggistici, o anche dei tetti, sui quali vecchi ripari da neve ci ricordano che questa è una città di montagna. Una visita all'appartamento Spillmann è affascinante: permette di conoscere la vita quotidiana degli operai delle vecchie fabbriche di orologi e, allo stesso tempo, di scoprire l'Art Nouveau locale, il cosiddetto "Stile Abete". L'appartamento può essere visitato seguendo una visita guidata "Art Nouveau" offerta dal ufficio turistico locale. Opuscoli tematici gratuiti sono disponibili anche presso l'Ufficio del Turismo o online - se volete scoprire i segreti della città da soli.

Qual è il periodo migliore per visitare il sito e perché?
L'autunno, quando ci si può godere l'estate indiana. Ma per me il momento più magico è l'inverno, quando tutto è coperto di bianco e il fumo vola sopra i camini. E' bellissimo.

Quali attività consiglia nel sito UNESCO?
Penso che la città si scopra meglio in presenza di una guida, perché all'inizio può essere un po' sconcertante. La mia visita preferita è quella delle prime ville di Le Corbusier. Charles-Edouard Jeanneret è diventato il più grande architetto del XX secolo, ma spesso dimentichiamo che le sue prime opere sono qui. Raccomando anche le visite guidate "à l'horaire", che sono economiche e per le quali non è necessario iscriversi in anticipo. Questo è il modo migliore per scoprire l'appartamento Spillmann, ad esempio. Da non perdere anche la vista panoramica dalla torre dell'Espacité e la visione del film all'Espace de l'urbanisme horloger.

Novembre 2017 (tradotto dal francese)

Il nostro Patrimonio mondiale